Stati Uniti…d’Europa? Una proposta di riforma

14 marzo 2017
FacebookFacebook MessengerTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Sergio Fabbrini ritiene che l’Europa si trovi in una congiuntura particolare che, se affrontata correttamente, può segnare l’inizio di una svolta dalle conseguenze determinanti per il futuro del Continente e del progetto europeo.

A sessanta anni dai Trattati di Roma, che hanno istituito la Comunità Economica Europea e un mercato comune nel quale persone, beni, servizi e capitali circolano liberamente, e che hanno contribuito a garantire prosperità e stabilità per i cittadini europei, le trasformazioni causate dalla fine della guerra fredda e dalla più recente crisi finanziaria hanno reso l’Europa, nelle parole di Fabbrini, un “crocevia di molteplici unioni”. Tuttavia, le strutture istituzionali e le competenze politiche europee hanno spesso evidenziato limiti in termini di efficacia e legittimità, rallentando il processo di integrazione tra i paesi membri.

Fabbrini traccia una soluzione, analizzando il tema, non solo tecnico ma di più ampia rilevanza politica, della riforma del sistema fiscale europeo. Il suo studio si confronta con altre proposte, in particolare con i lavori del High Level Group on Own Resources (HLGOR), guidato da Mario Monti. Fabbrini descrive un’Europa dalla natura mista, che ingloba diverse dinamiche istituzionali e riflette necessità diverse: non una mera associazione di Stati, dunque, ma neanche un’unione di stampo federalista.

La proposta di Fabbrini riflette questa situazione, proponendo un orientamento diversificato: la sovranità fiscale andrebbe separata, tra il livello nazionale e quello europeo. Le politiche nazionali  dovrebbero continuare ad essere sostenute dalla fiscalità dei singoli stati, mentre le politiche europee dovrebbero beneficiare di una, sia pure limitata, autonoma fiscalità europea. Autonoma perché basata su risorse proprie e non su trasferimenti finanziari nazionali. Ciò avrebbe conseguenze positive sulla rappresentanza europea dei cittadini che finalmente verrebbe eletta per gestire un proprio budget (representation with taxation).

Il contributo di Fabbrini nasce da un intervento nell’ambito di un workshop organizzato dal Robert Schuman Centre for Advanced Studies di Firenze, come parte di un progetto di ricerca promosso dal Parlamento Europeo.

"Representation without Taxation: an Association or Union of States?"

L'autore

Sergio Fabbrini è professore di Scienze politiche e Relazioni internazionali (cattedra Jean Monnet), Direttore della LUISS School of Government e Recurrent Professor  presso il Department of Political Science and Institute of Governmental Studies dell’Università della California, Berkeley


Website
Articoli correlati