Delitto, ma quale castigo? Diritto penale e carceri in Italia

29 marzo 2017
FacebookFacebook MessengerTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Nel 2013 l’Italia è stata condannata dalla Corte europea di Strasburgo per aver violato l’articolo 3 della Convenzione dei diritti dell’uomo, che sancisce il divieto per gli Stati di sottoporre gli individui a trattamenti inumani e degradanti. Il problema è tanto giuridico quanto etico: alcuni dati dimostrano infatti che le condizioni di vita all’interno delle prigioni italiane sono critiche e gravemente al di sotto di standard accettabili.

La principale difficoltà è il sovraffollamento, con migliaia di detenuti in più rispetto alla capienza effettiva delle carceri. Si tratta di una situazione che impone un intervento tempestivo, a cui si sta tentando da qualche anno ormai di porre rimedio, senza tuttavia riuscire a trovare una soluzione definitiva. In questa direzione, una proposta di ripensamento del sistema sanzionatorio penale viene da Paola Severino, Antonio Gullo e Cinzia Caporale, su invito della Fondazione Veronesi.

La loro tesi è che la detenzione debba essere considerata come ultima risorsa e che vadano cercate vie alternative al carcere. Ciò comincia già ad avere riscontro al livello legislativo, con la delineazione in Parlamento di ambiti penali per cui non sia più prevista la reclusione, limitando la sanzione alla detenzione domiciliare. Questa andrebbe tuttavia resa accessibile a tutti (anche a chi non ha una casa o non possa concretamente utilizzarla) e dovrebbe essere abbinata, quando possibile, con attività volte alla reintegrazione sociale.

Si tratta di un primo passo verso quello che potrebbe essere l’abbandono di un’idea corporale della pena, quando non vi sia reale necessità o efficacia, per delineare una più ampia gamma di sanzioni (ad esempio, lo svolgimento di lavori di pubblica utilità e l’affidamento ai servizi sociali) che abbinino alla componente punitiva anche un aspetto risocializzante, volto cioè a favorire l’inserimento dell’individuo in un contesto lavorativo e sociale. Naturalmente, questa prospettiva richiede sia un forte equilibrio da parte del giudice in fase di comminazione della pena, che la presenza di un giudice di sorveglianza durante lo svolgimento di quest’ultima.

Questo processo non solo potrebbe risolvere i problemi critici della condizione detentiva in Italia, ma rappresenterebbe anche un miglioramento complessivo del sistema della Giustizia italiana e della tutela dei diritti di tutte le persone. Tuttavia, dovrebbe essere accompagnato da un dibattito che sensibilizzi l’opinione pubblica sul valore etico dei principi che animano questa proposta.

"Ripensare il sistema sanzionatorio penale"

L'autore

Paola Severino è il Rettore della LUISS e Presidente dell’Associazione Internazionale di Diritto Penale (AIDP) – Gruppo Italiano. È stata Ministro della Giustizia nel Governo Monti, Preside della Facoltà di Giurisprudenza e Prorettore Vicario della LUISS


Website
Articoli correlati