Roberto Saviano incontra Leif Wenar. Ecco come “Il re nero” domina le nostre vite

18 dicembre 2018
Video Open Society
FacebookFacebook MessengerTwitterLinkedInWhatsAppEmail

“La risposta definitiva a tutti i problemi legati al petrolio” così Roberto Saviano definisce Il re nero di Leif Wenar, uno de più influenti pensatori contemporanei, professore di Philosophy and Law al King’s College di Londra e fondatore di Clean Trade, movimento che promuove l’abolizione di ogni tipo di accordo sulle risorse energetiche con gli Stati sotto regimi autoritari responsabili di oppressione, violenza e corruzione.

Dalla plastica, alla benzina, dai tessuti sintetici, ai telefoni, l’umanità intera dipende dall’estrazione del petrolio. Ne consegue un gigantesco giro d’affari dal quale da una parte c’è chi ne trae enormi vantaggi, e dall’altra chi ne rimane inevitabilmente e costantemente oppresso. Il re nero mostra come l’Occidente possa farsi promotore di una rivoluzione pacifica delle risorse, ponendo fine alla dipendenza dalle “risorse insanguinate”. Wenar propone strategie pratiche per far progredire l’economia mondiale, rispondendo a questioni pressanti come povertà, disuguaglianza e inquinamento per diventare parte attiva di un cambiamento epocale e necessario per l’intera umanità.

Secondo Saviano prima de Il re nero non c’era testo in grado di dare una così chiara descrizione delle dinamiche e del cortocircuito economico, politico e sociale che gira intorno al petrolio. Ecco l’intervista integrale.

 

Gli autori

Roberto Saviano è giornalista, scrittore e saggista. È autore del bestseller internazionale Gomorra (Mondadori, 2006), che è stato tradotto in più di cinquanta Paesi e ha venduto dieci milioni di copie in Italia e nel mondo.


Website

Leif Wenar è professore di Philosophy and Law al King’s College di Londra e fondatore di Clean Trade, una campagna apolitica a sostegno dei diritti umani nell’approvvigionamento delle risorse


Website
Articoli correlati