Dimmi come tuteli il tuo patrimonio culturale e ti dirò che Nazione sei. Il caso dell’Italia

4 febbraio 2019
FacebookFacebook MessengerTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Il nazionalismo politico e quello culturale, troppo spesso, sono stati trattati come due fenomeni distinti. Studi recenti, invece, come quelli svolti da Mark Thatcher, professore del Dipartimento di Scienze Politiche alla LUISS e della London School of Economics, sostengono che le due forme di nazionalismo sono “collegate” perché “lo Stato porta avanti politiche come la promozione dell’eredità culturale per alimentare il processo di nation building.

Nel working paper intitolato “State Production of Cultural Nationalism: Political Leaders and Preservation Policies for Historic Buildings in France and Italy”, Thatcher si concentra in particolare sulla storia (comparata) di Francia e Italia. Nel primo Paese, nota lo studioso, in occasione della Rivoluzione del 1789 si assistette alla distruzione di molti edifici e monumenti storici legati all’Ancien Régime; sempre allora, però, si innescò pure “un contro-movimento teso a proteggere i siti monumentali nel nome della ‘Nazione’”. Uno dei primi esempi è quello dell’abate Grégoire che proprio allora presentò alla Convenzione nazionale un rapporto con l’obiettivo di contenere il “vandalismo” contro gli “oggetti nazionali”, seguito negli anni da leggi, decreti e modifiche del Codice penale che andavano in tal senso. Né è casuale – continua Thatcher – che in corrispondenza della nascita della Quinta Repubblica, nella seconda metà dello scorso secolo, il Presidente De Gaulle, appena tornato al potere nel 1958, abbia istituito il Ministero della Cultura. Gaullismo e tutela del “patrimoine”, dunque, si sono puntellati a vicenda.

La parabola storica della tutela dell’eredità culturale in Italia si può far cominciare addirittura all’inizio del XVI secolo. È infatti al 1500 che risale – come ricorda lo studioso della LUISS e della LSE – una serie ininterrotta di provvedimenti papali che avevano lo scopo di proteggere simboli e monumenti storici. Col paradosso, osserva Thatcher, che per decenni nel nostro Paese si è sviluppata una forma di nazionalismo culturale, pur in assenza di uno Stato nazionale vero e proprio. Altra peculiarità, particolarmente evidente durante il Risorgimento: il movimento per la conservazione del patrimonio culturale in Italia non fu di stampo passatista o retrogrado, visto che la preservazione fu interpretata piuttosto “come forza tesa alla creazione di uno ‘Stato nazione moderno’”.

Affinità e differenze, dunque, del “nazionalismo culturale” in Francia e in Italia. Con una conclusione apparentemente sorprendente. Scrive infatti Thatcher: “Lo studio di quanto avvenuto in Francia e in Italia lascia intendere che in uno Stato nazionale che si è formato più tardi e che è caratterizzato da alcune debolezze politiche, in cui il nazionalismo culturale era però già forte, i leader politici nazionali hanno potuto introdurre anticipatamente forme di protezione del patrimonio più pervasive e stratificate rispetto a Stati nazionali formatisi prima e con meno punti deboli, e tutto questo per compensare sfide e difficoltà che gli Stati nazionali di recente formazione hanno dovuto affrontare”.

 

State production of cultural nationalism: political leaders and preservation policies for historic buildings in France and Italy

L'autore

Mark Thatcher è professore di Scienze politiche alla LUISS e di Comparative and International Politics all London School of Economics. È stato inoltre membro del Robert Schuman Center, European University Institute a Firenze. 


Articoli correlati