Nazionalismo e protezione del patrimonio culturale

16 maggio 2019
Intervista Open Society
FacebookFacebook MessengerTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Quanto è importante la ricerca universitaria per incoraggiare l’internazionalizzazione di un’università?

Oggi la ricerca è fondamentale per la reputazione internazionale delle università. Il problema chiave è se le persone stanno producendo un lavoro interessante. Avere personale che pubblica è essenziale, ma occorre andare oltre la mera pubblicazione e comprendere se il loro lavoro viene notato, se loro vanno alle conferenze, dove presentano il loro lavoro e se vengono citati. Le citazioni sono un indicatore di quanto sia importante il lavoro, in quanto puoi vedere se la ricerca viene utilizzata o meno a livello internazionale.

Le persone lo stanno leggendo in altri paesi? Allo stesso modo, le citazioni indicano se i ricercatori si impegnano in dibattiti in modo che altri studiosi prendano nota e si impegnino con quella ricerca. La ricerca è importante anche per gli studenti, perché vogliono sapere che i loro professori pubblicano lavori interessanti e vogliono leggere ciò che i loro professori hanno scritto. Nelle università, quando gli insegnanti danno consigli su dove fare un master o un dottorato di ricerca, vorranno inviare buoni studenti – alle università che hanno un buon curriculum di ricerca. Questo si applica se vogliono inviarli a singoli professori, perché hanno letto il loro lavoro. Ciò che conta davvero per le università è se le persone producono lavoro che viene letto, lavoro interessante, lavoro che influenza i dibattiti accademici, lavoro che gli studenti hanno letto e di conseguenza pensano: “Sono affascinato da questo, questa persona ha detto qualcosa di importante e mi piacerebbe andare a studiare con loro di persona”. Pertanto, una ricerca interessante che viene letta e ha un impatto internazionale è assolutamente fondamentale per la reputazione internazionale e lo sviluppo internazionale delle università.

Quali sono le ragioni che l’hanno portata ad effettuare un’analisi comparativa del comportamento di Francia e Italia nella cura e conservazione del patrimonio culturale?

Si dibatte molto nelle scienze politiche sui diversi tipi di Stati e di solito sia la Francia che l’Italia sono visti come Stati in cui il settore pubblico è molto presente, ma di solito questi due Stati contrastano. Spesso, la Francia è vista come uno stato forte: molto centralizzato, con una lunga tradizione, istituzioni molto stabili, mentre lo stato italiano, oltre ad essere più recente, è visto come molto più frammentario e con i numerosi problemi che attanagliano l’amministrazione pubblica. Quindi, ho pensato che sarebbe stato interessante confrontarli. Inoltre, c’è il fatto che nel patrimonio culturale sono piuttosto vicini, poiché molti artisti e architetti hanno lavorato in entrambi i paesi; ci sono stati molti interscambi tra loro. E infine, mi sembra che lo Stato in Italia sia apparso meno forte che in Francia, ma l’Italia stava creando protezione prima della Francia. In effetti in Francia lo sviluppo della protezione del patrimonio culturale è andato di pari passo con lo sviluppo dello Stato moderno; così, in Francia, si sono ottenute legislazione e politiche per proteggere il patrimonio dopo la rivoluzione del 1789, e ogni volta che c’era un cambio di regime, si imponevano nuove politiche, a volte immediatamente. Molto strano in qualche modo, immediatamente si ottiene una rivoluzione quando la prima cosa a cui il governo pensa è il patrimonio culturale. Ma in Italia, come sappiamo, l’unificazione è arrivata molto più tardi. Quello che ho trovato interessante è che l’Italia aveva creato una legislazione prima della Francia e più estesa di quella francese. Quindi questo è sorprendente se si pensa alle opinioni generali su due paesi, alla loro storia, alle loro amministrazioni.

Lei pensa che “l’abitudine alla bellezza” possa essere considerata un carattere fondamentale della cultura italiana?

Ogni paese crede di avere un posto speciale nel patrimonio. Ciò che è vero è che l’ideale, “il bello” è particolarmente presente nel discorso italiano. È presente in un modo diverso da come viene usato in Inghilterra. La “bellezza” nella politica culturale inglese non viene citata molto spesso, mentre in Italia lo è molto; ma ogni paese crede di avere uno stile e un posto speciale nel patrimonio culturale – così gli inglesi ti parleranno delle loro case di campagna inglesi, i francesi ti parleranno delle loro diverse tradizioni e che Parigi è la città più bella nel mondo e gli italiani ti diranno che, naturalmente, hanno più patrimonio di qualsiasi altro paese. Ora, per alcuni aspetti è vero: ci sono più siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO in Italia che in qualsiasi altro paese del mondo. Ma occorre prestare attenzione perché ogni paese promuove la sua visione della sua particolare “bellezza”. Un altro fattore particolarmente importante per l’Italia è la quantità di arte che è andata ad altri paesi. Tuttavia, questo vale anche per la Francia, se si pensa ai dipinti francesi degli impressionisti in tutto il mondo. Quindi l’arte di ogni paese è stata esportata, ma l’arte di alcuni paesi è stata esportata molto più di altre.

Oggi si parla molto di un “ritorno” al nazionalismo: ha effettivamente trovato ciò che mette in risalto nei suoi studi, quindi il nesso tra nazionalismo e protezione del patrimonio culturale di un paese?

Uno dei motivi per promuovere il patrimonio culturale è cercare di promuovere un senso della nazione, un senso di appartenenza: a volte cercando di promuovere un “senso di nostalgia” per il passato. Questo accade spesso quando le nazioni sono sotto pressione e / o quando ci sono difficoltà. Quindi non sorprende che dopo guerre e rivoluzioni si tenda a dedicare molta più attenzione alla politica del patrimonio culturale; e non sorprende che nei periodi di crisi, i paesi e i loro governi cerchino di sottolineare l’eredità, provando così a riunire le persone. Questo è chiaramente un periodo di difficoltà e c’è parecchio uso del patrimonio al fine di porre attenzione al passato e farci credere che il passato sia stato quel periodo straordinario e creare, quindi, “nostalgia” per il passato.

Perché i paesi potrebbero promuovere il patrimonio culturale oggi? In che senso guardare al passato – per i paesi che hanno un ricco patrimonio culturale – può essere una spinta per costruire uno stato moderno e quindi per la crescita economica di un paese moderno?

C’è un doppio movimento: uno è un movimento che guarda al passato, la “nostalgia” per il passato, ma poi c’è un altro movimento che usa il passato e il patrimonio per la crescita economica. Uno dei motivi dell’interesse corrente per il patrimonio è che si tratta di un mercato molto vasto e in genere in paesi altamente sviluppati in cui l’industria pesante è in declino, le persone spendono sempre più in servizi e quindi la promozione del patrimonio aiuta altre industrie, non a caso uno dei settori più grandi e in più rapida crescita in Italia è il turismo. Il turismo oggi non significa solo spiagge: si tratta di persone che vengono a visitare diverse città; vengono a Roma perché ha un fantastico patrimonio culturale e generano molti altri affari: ristoranti, guide turistiche, hotel, AirB & B e tutte le altre attività.

L’altra cosa è perché quel patrimonio è in parte creato, quindi ottieni quella che viene chiamata “heritagisation”: certi edifici, determinate città e siti, certi ricordi e pezzi d’arte vengono visti come parte del patrimonio culturale, inclusa l’arte moderna e contemporanea. Così, per esempio, molte persone ora verranno a Londra e verranno a Londra per vedere tra le altre cose, la Tate Modern, che 30 anni fa era una centrale elettrica in disuso. Così centinaia di migliaia, forse milioni di persone, vengono a Londra per vedere l’arte moderna e contemporanea in una centrale elettrica dismessa che, naturalmente, è stata completamente rinnovata. Sono molti i visitatori ed è un settore economico molto importante. Quindi, il patrimonio fa parte di un insieme più ampio di industrie culturali, insieme anche a una serie di settori correlati, in particolare i settori dei servizi.

Penso che sia un’altra ragione per cui il patrimonio sta diventando così importante. E non è solo arte e monumenti se si pensa a tutte le cose che esso veicola; così, per esempio, le persone vogliono mangiare cibo tradizionale, vogliono vedere come il cibo tradizionale è fatto, vogliono vedere la gente che vive in una peculiare tradizione, vogliono bere determinati tipi di vino e altre bevande e vogliono guardare come vengono prodotte e sapere che sono state fatte in un modo particolare. Questo è un insieme di industrie e settori correlati al patrimonio culturale.

intervista a

Il Professor Mark Thatcher insegna The Politics of Cultural Heritage in Europe presso il Dipartimento di Scienze Politiche della Luiss. Dopo il Dottorato al Nuffield College della Oxford University, ha intrapreso un percorso di ricerca e insegnamento alla London School of Economics.


Articoli correlati