Perché l’etica pubblica deve diventare materia di riflessione e studio nelle nostre Business School

30 settembre 2019
Editoriale Open Society
FacebookFacebook MessengerTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Il nostro paese – e non è il solo! – vive una crisi di fiducia. Le ragioni di questa crisi sono diverse e complesse. Ma sicuramente esiste un legame con un deficit di etica pubblica. Per questo è stato creato “Ethos”. Un centro di ricerca nato da una mia idea e dopo un periodo di preparazione e incubazione con un gruppo di collaboratori, amici e colleghi. Il suo scopo precipuo è quello di elaborare un progetto di Etica Pubblica in collaborazione con la Business School della Luiss. Ethos prevede la realizzazione di programmi formativi, seminari, convegni, progetti di ricerca, pubblicazioni scientifiche e proposte per le imprese.

L’etica pubblica riguarda la moralità delle istituzioni. Ha di mira una valutazione critica di un insieme di pratiche che caratterizzano la nostra vita sociale e politica. In sostanza, quando parliamo di istituzioni in etica pubblica non lo facciamo in maniera formale e legale, ma piuttosto cerchiamo di cogliere il senso di quelle pratiche condivise che caratterizzano la struttura di base di una società aperta.

Dell’Osservatorio Ethos fanno parte sin da ora personalità di spicco della cultura italiana, studiosi e pratici nei vari settori di ricerca e studenti (c’è anche Ethos junior…). Lo scopo principale è quello di esaminare grandi questioni della società contemporanea in una prospettiva etica. LUISS ETHOS nasce a Roma, ma ha già diramazioni in varie città italiane e ha preso contatti per svariati documenti di intesa con gruppi che operano in altri paesi (previste prossime presentazioni ad Amman, Stanford, Mumbai, Pechino, Uppsala). La prospettiva etica prescelta implica una visione esterna e valutativa di diverse attività ed è svolta di norma assieme a quanti svolgono le attività in questione e sentono l’urgenza di interrogarsi sul rapporto tra il loro impegno professionale e fini più ampi di natura sociale e morale. Le ragioni per la creazione di LUISS ETHOS sono svariate, e vanno dalla necessità di trattare temi e problemi simili in un tempo come il nostro all’esigenza di “serietà” che impone di farlo in maniera consapevole alla luce di un’adeguata conoscenza della tradizione dell’etica.

 

In seguito alle prime riunioni di Ethos sono state individuate le quattro macro-aree in cui sono suddivisi gli argomenti oggetto di studio da approfondire e incrementare in questa prima fase dell’Osservatorio:

 

  1. ETICA e Il mondo sociale: Business ethics, sostenibilità, Digital ethics, Etica & arte, Etica pubblica e Mezzogiorno, Etica e informazione/comunicazione.
  1. ETICA e La vita con gli altri: Etica e politica in un contesto pluralista, etica della globalizzazione, multiculturalismo, migrazioni, etica di genere, etica delle carceri, etica e non-umani (il rapporto con gli animali e le piante).
  1. ETICA e La cura di noi: Bioetica ed etica medica, etica della disabilità (agricoltura inclusiva in grado di favorire l’interazione di soggetti per esempio, affetti da patologia autistica, attraverso la coltivazione di giardini ed orti urbani), etica e dipendenze, volontariato, meditazione o mindfulness (diffondere la pratica della meditazione zen in chiave cristiana, una sorta di esercizi spirituali, soprattutto fra i giovani manager, sul modello già in vigore presso aziende internazionali), etica, agricoltura ed alimentazione (cosa coltiviamo e come, cosa mangiamo e perché), etica e sport (la sana competizione praticata attraverso il rispetto dell’altro).
  2. ETICA e La morale delle Humanities: la sezione più innovativa fra quelle elencate, che intende fra l’altro, promuovere il sapere umanistico nelle facoltà ad indirizzo scientifico. Arte visuale, Musealità, Cultura del mondo greco-romano e del Mediterraneo, Teatro, Cinema, Musica, Letteratura.

 

Sulla base delle finalità dell’Osservatorio ETHOS Luiss Business School, si stanno attivando progetti in diversi settori, a partire – per esempio – da corsi di master come l’Executive Programme in Business Ethics, il Master Executive sulla Cina e e un Master su Religione e Politica in collaborazione con l’Università Lateranense.

 

Ma per farsi un’idea più precisa di alcune delle nostre iniziative e dei nostri progetti, il primo appuntamento è per domani mattina alle 10, alla Luiss Business School a Roma.

Tag etica

Ethos Luiss Business School Osservatorio Etica Pubblica

L'autore

Sebastiano Maffettone è Professore ordinario di Filosofia Politica e Direttore del Center for Ethics and Global Politics alla Luiss


Website
Articoli correlati