- Luiss Open - https://open.luiss.it -

Le pratiche di gestione strutturate che incidono sulla performance. Uno studio sull’espansione della produttività tra imprese

Il paper è il risultato di una ricerca congiunta tra diverse università e l’Agenzia nazionale di statistica. Qual è stato l’obiettivo della ricerca per la collaborazione?

Questo progetto è una collaborazione con l’US Census Bureau (l’Ufficio di censimento statunitense) ed è volto a comprendere le pratiche gestionali e organizzative e i driver di crescita della produttività nelle aziende. Abbiamo sperimentato e gestito la prima ampia indagine su supporto cartaceo sull’uso delle pratiche di gestione nelle aziende basata sullo strumento del World Management Survey e condotta tramite interviste telefoniche. Questo aspetto ci ha consentito di acquisire dati da molte più aziende con meno oneri per gli intervistati. L’US Census Bureau auspica di continuare a includere l’indagine sul Management and Organization Practices (MOPS) come supplemento alla sua indagine annuale sui produttori (ASM) ogni cinque anni, con il secondo ciclo completato per il 2015 e il 2020 MOPS attualmente in corso.

Lo studio evidenzia come le pratiche di gestione siano strettamente connesse a diverse misure di performance; esse, inoltre, rappresentano circa un quinto dell’espansione della produttività tra imprese: cosa significa e quali sono le conseguenze?

Le pratiche di gestione strutturata includono, ad esempio, i controlli di qualità e la riduzione dei tassi di errore, le assunzioni e i licenziamenti in base alle performance, il monitoraggio e il raggiungimento degli obiettivi di produzione. Le imprese che seguono queste pratiche hanno una maggiore redditività, tassi di innovazione più elevati e tassi di uscita più bassi. Pratiche di gestione strutturate in grado di spiegare un quinto delle differenze tra le imprese in termini di produttività del lavoro, misurate come il prodotto per lavoratore. Si tratta dello stesso contributo di R&S e delle tecnologie o competenze informatiche, che, come è stato ampiamente dimostrato, sono determinanti della produttività. La linea di fondo è la rilevanza della gestione.

Può descrivere brevemente i principali fattori che determinano le differenze nelle pratiche di gestione e come sono collegate al contesto geografico in cui si sviluppa l’azienda?

Esistono alcuni ambienti politici che supportano e completano le pratiche di gestione strutturate. Ad esempio, quando non vi è alcuna iscrizione automatica dei dipendenti al sindacato di fabbrica (determinata dalla “legge sul diritto al lavoro” che varia tra le diverse legislazioni statali negli Stati Uniti), è più facile implementare pratiche relative alle assunzioni, promuovere e licenziare sulla base di prestazioni piuttosto che di mandato. Essere in prossimità di grandi multinazionali (“Million Dollar Plants”) sembra aiutare le aziende a captare queste pratiche più velocemente attraverso il flusso di lavoratori.

Come proseguirà la ricerca condotta da tale studio e quali sono i progetti attualmente in corso in materia di gestione?

Attualmente io e il Prof. Schivardi stiamo collaborando con la Banca d’Italia per misurare il ruolo che queste pratiche assumono nella risposta delle aziende al COVID, i cui risultati spero di condividere molto presto. Ho anche terminato un progetto pilota in India per uno studio simile con il Prof. Nick Bloom e il Prof. Pete Klenow della Stanford University per esaminare il ruolo di queste pratiche nel contesto di Paesi in via di sviluppo.