Rubriche degli autori
Ultimi articoli
di Redazione
23 ottobre 2019
Editoriale Open Society

Il Master in Comunicazione e Marketing politico ed istituzionale della Luiss, diretto da Francesco Giorgino, Professor of Practice alla School of Government, ha come obiettivo l’alta formazione di soggetti che intendono essere impegnati o che sono già impegnati nei settori della comunicazione e del marketing di istituzioni politiche e sociali, di partiti, imprese e sindacati, di enti locali, ordini ed associazioni professionali, del mondo no profit e di molto altro ancora.

di Luca Tricarico
22 ottobre 2019
Editoriale Open Society

“Non si tratta solo di risolvere le inquietudini della “classe disagiata”, di sostenere un cambio di mentalità nelle organizzazioni e di adattamento ad mercato del lavoro in rapida trasformazione, ma di affrontare le criticità nelle condizioni strutturali che il presunto ceto medio italiano ed europeo vive alle soglie del terzo ventennio degli anni 2000”. Luca Tricarico espone la sua tesi sulle polarizzazioni economiche e sociali della contemporaneità


21 ottobre 2019
Rubrica Europe
Vista da Bruxelles di Daniel

Contrariamente a quanto troppo spesso si dice, dedicare maggiori risorse pubbliche alla costruzione di infrastrutture non è di per sé una panacea per l’economia. I dati degli ultimi 20 anni raccolti in Germania, Spagna e Italia sono lì a dimostrarlo. L’economista Daniel Gros illustra su Luiss Open le condizioni minime per investimenti infrastrutturali di successo

intervista a Cristina Fasone
11 ottobre 2019
Intervista Open Society

“Il tratto principale del modello consiste nella capacità di tenere insieme culture, minoranze, ordinamenti tanto diversi tra loro, in modo da dar conto nei processi di rappresentanza delle diversità, senza disconoscere l’esistenza di ordinamenti e minoranze forti, territorialmente localizzate, e da cercare di incorporarle nei processi decisionali” L’intervista a Cristina Fasone sul modello canadese come possibile esempio per l’Europa


LUISS Digest
18 luglio 2019

Il Sole 24 Ore

L’editoriale di Roberto D’Alimonte sull’attuale scenario politico italiano

13 maggio 2019

Il Sole 24 Ore

L’editoriale di Sergio Fabbrini a due settimane dalle elezioni europee.

23 luglio 2018

La Stampa

Gianni Riotta racconta la storia di Sergio Marchionne alla guida di FCA

23 luglio 2018

La Repubblica

Il commento di Marcello Messori sull’Euro summit di giugno

19 luglio 2018

Financial Times

Pietro Reichlin on the “dignity” labour reform

11 luglio 2018

Il Foglio

Dibattito sull’uscita dall’Euro. L’analisi di Franco Passacantando 

Articoli precedenti
di Federico Donelli
11 ottobre 2019
Editoriale Mediterranean

La decisione di Erdoğan di dare il via all’operazione militare nel nord-est della Siria, la quarta a partire dal 2016, costituisce un nuovo drammatico capitolo della guerra siriana nonché l’ennesimo tentativo da parte del Presidente turco di arrestare la perdita di popolarità interna. L’iniziativa militare della Turchia ha diverse ragioni, ce le spiega “dall’interno” Federico Donelli.

di Fabiano Schivardi Tom Schmitz
9 ottobre 2019
Editoriale Open Society

“La divergenza del Sud Europa coincide con la diffusione massiva delle tecnologie dell’informazione (IT) a partire dalla metà degli anni ’90, che è stata uno dei principali motori della crescita della produttività nelle principali economie. Nel Sud Europa invece la rivoluzione informatica ha prodotto progressi relativamente modesti”. Fabiano Schivardi e Tom Schmitz mostrano come la crescita della produttività nel Sud Europa è stata decisamente inferiore rispetto a quella di altri paesi sviluppati.


di Danny Dorling
8 ottobre 2019
Editoriale Open Society

Ecco alcune buone notizie per il pianeta: secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite, la popolazione umana è destinata a raggiungere il picco e a stabilizzarsi, non superando di molto i 9,7 miliardi, totale che raggiungerà intorno all’anno 2050. Danny Dorling, professore di geografia di Halford Mackinder all’Università di Oxford, spiega come funziona e perché questa sia una notizia da festeggiare.

intervista a Vincenzo Emanuele
7 ottobre 2019
Intervista Open Society

“Si è sempre ritenuto che i paesi dell’Europa orientale tendessero ad essere più instabili perché la democrazia era di recente formazione e quindi le regole del gioco dovevano essere ancora introiettate dagli attori politici. Quello che invece si sta verificando è che l’Europa occidentale sta diventando sempre più instabile, avvicinandosi ai canoni dell’Europa orientale”. L’intervista al professor Emanuele sull’’instabilità elettorale come parametro della crisi europea


intervista a Francesco Sobbrio
3 ottobre 2019
Intervista Open Society

“Se da una parte l’effetto positivo delle piattaforme online è che facilitano la partecipazione politica – e far partecipare le persone alle elezioni è qualcosa di positivo, indipendentemente dalle loro idee politiche – dall’altra, un effetto molto dibattuto dell’uso di queste piattaforme è la possibilità che si crei una forte polarizzazione politica”. Francesco Sobbrio spiega come Internet ha cambiato definitivamente il modo di fare politica

di Sebastiano Maffettone
30 settembre 2019
Editoriale Open Society

Il filosofo Sebastiano Maffettone, su Luiss Open, spiega l’origine e il senso di “Ethos”, la nuova start-up filosofica che nasce in collaborazione con la Luiss Business School e che sarà presentata il 1° ottobre a Roma. Un tentativo di rispondere alla crisi di fiducia che il nostro Paese, e non solo, sta attraversando


intervista a Luca Giustiniano
30 settembre 2019
Intervista Open Society

“Quel che è importante nella resilienza delle organizzazioni è che i gruppi devono essere in grado di resistere, di assorbire gli shock, e imparare dagli shock stessi. E quindi come l’individuo riesce a sopravvivere ai traumi e “sviluppare anticorpi”, anche le organizzazioni dovrebbero essere in grado di fare la stessa cosa. L’intervista a Luca Giustiniano sull’importanza della resilienza nella costruzione del team aziendale.

di Andrea Ungari
26 settembre 2019
Editoriale Open Society

Su Luiss Open, dopo i saggi di Luciano Pellicani e Serge Tseytlin sui rapporti storici e le differenze ideologiche tra Europa e Russia, adesso interviene anche lo storico Andrea Ungari. La sua riflessione spazia dai rapporti tra Greci e Regno di Persia a quelli tra Stati Uniti e Cina comunista contemporanea, passando per il secolare espansionismo islamico e le opposizioni che esso ha incontrato