Ultimi articoli
25 settembre 2020
editoriale Open Society

Con l’avvento della digitalizzazione il mondo del lavoro ha davvero cambiato le sue regole? Il punto di Roberto Pessi sull’assenza di tutele e sulle nuove forme di sfruttamento che tuttavia rispondono a vecchie logiche purtroppo mai superate.

24 settembre 2020
editoriale Open Society

Di nuovo un’elezione in cui i sondaggi si discostano significativamente dal risultato finale. Non tanto per il referendum, ma per le sfide regionali. E in modo politicamente rilevante per Toscana e Puglia, per cui i sondaggi prevedevano un serrato testa a testa, e che invece si sono chiuse con un netto successo dei candidati di centro-sinistra. Da dove viene questa differenza? Il punto di Lorenzo De Sio.


23 settembre 2020
letture libri Entrepreneurship

L’impresa familiare è un fenomeno rilevante a livello mondiale: rappresenta il 64% del prodotto interno lordo statunitense e circa il 50% di tutti i posti di lavoro dell’occupazione privata europea. La coesione e la condivisione di valori è importante sia nelle piccole imprese che nelle multinazionali come la Ford. Un estratto del volume “Family business” a cura di Fabio Corsico, prossima pubblicazione Luiss University Press.

22 settembre 2020
editoriale Europe | Mediterranean

“L’Unione europea (Ue) c’è quando si tratta di gestire la crisi, non già quando si tratta di risolverla”. Il punto di Sergio Fabbrini sulla difficile condizione dei migranti, oggi più che mai con la crisi del Covid-19.


Newsletter
Pubblicati recentemente
20 settembre 2020
editoriale Open Society

Nel pieno della pandemia da Covid-19, a quali condizioni lo Stato potrà giocare un ruolo efficace nel rilancio dell’economia? Stati Uniti e Francia riesumano legislazioni speciali del Dopoguerra. Ci sono lezioni anche per il nostro Paese alle prese col Recovery Fund. Un paper della School of Government della Luiss.

19 settembre 2020
editoriale Open Society

Che impatto sulla tenuta del governo può avere l’esito delle prossime elezioni regionali e del referendum costituzionale? Il punto di Roberto D’Alimonte.


18 settembre 2020
editoriale Europe

Il trattato di Lisbona, in materia di istituzionalizzazione della politica estera europea, si è posto come uno spartiacque. Infatti già i trattati precedenti avevano gettato le basi per una centralizzazione delle politiche estere degli stati membri, ma il trattato di Lisbona ha introdotto una serie di innovazioni che, secondo alcuni, avrebbero permesso all’UE di essere più coerente, e quindi efficace, nell’arena internazionale. Il punto di Maria Giulia Amadio Viceré e Giulia Tercovich.

17 settembre 2020
editoriale Open Society

Con le regionali alle porte la Lega si destreggia tra la ricerca di alleanze e cambiamenti nell’opinione pubblica. Il punto di Giovanni Orsina.


16 settembre 2020
editoriale Open Society

“Il vero investimento sul futuro è quello sui giovani che ci guardano oggi e giudicheranno domani il risultato di quello che abbiamo fatto e faremo in questi mesi”. Il punto di Paola Severino sull’importanza di investire sul futuro delle nuove generazioni specialmente a Roma, cuore pulsante della vita istituzionale.

15 settembre 2020
editoriale Open Society

“La presa d’atto della inevitabile interdipendenza degli Stati nazionali è avvenuta all’insegna del “mai più guerre fra noi” ed ha consentito, appunto con la creazione della Comunità, una efficace risposta al passato. Il progetto europeo, però, non era soltanto questo, doveva anche essere una risposta a un futuro nel quale nessuno Stato, da solo, avrebbe potuto fronteggiare sfide come quella ambientale, una criminalità ormai organizzata sul piano internazionale, flussi migratori sempre più intensi”. La prefazione di Giuliano Amato al volume di Sergio Fabbrini, “Spiegare l’Europa”, prossima pubblicazione de “Il Sole 24 Ore”.


14 settembre 2020
editoriale Sostiene la corte

Una guida ragionata e sintetica ai pronunciamenti della Consulta rispetto ad alcune obiezioni di comitati, partiti, parlamentari e Regioni sul voto dei prossimi 20 e 21 settembre. Il punto di Ilaria Rivera.

13 settembre 2020
editoriale Europe

Il grande errore dei leader populisti sta nell’aver sistematicamente negato il pericolo del Covid-19, trovandosi poi impreparati e non più credibili. L’analisi di Sergio Fabbrini.